Antonio Castelli

La migliore accademia, le ginocchia di una madre

Gravidanza

Percorso gravidanza

La gravidanza è l’esperienza più importante e carica di ansia e di gioia che una donna possa sperimentare.

Il carico emozionale, la trasformazione del proprio corpo, la consapevolezza della nascita di una nuova vita con il cambiamento del proprio vissuto, fanno del periodo della gravidanza certamente uno dei momenti più delicati della vita di una donna. Con questa consapevolezza vogliamo affrontare insieme alla donna che vuole essere mamma, un percorso condiviso fatto di tappe che scandiscono il periodo dei 9 mesi, per seguire dal punto di vista emozionale, psicologico, ostetrico tutto il periodo della gravidanza.

Gravidanza Palermo

I controlli

Sono previsti una serie di controlli del benessere psico-fisico della gestante e la costante verifica dei parametri di crescita del feto, così da prevenire le possibili complicanze in gravidanza e seguire il timing del parto.

Si comincia dal primo test sul sangue (bHCG) eseguito in laboratori di fiducia e si programma il primo colloquio tra la sesta e la settima settimana di gestazione.

In questo I° incontro si verifica la presenza di un regolare sviluppo embrionale intrauterino, si valutano i parametri vitali, si esegue una accurata anamnesi per evidenziare fattori di rischio, si esegue una prevenzione delle infezioni vaginali, si prescrivono esami ematochimici secondo il percorso determinato da normative nazionali ed internazionali.

Il II incontro è normalmente previsto poco prima della undicesima settimana di gestazione, periodo delicato che può necessitare di terapie farmacologiche di supporto della gravidanza. Durante la visita si mettono in evidenza tutti i parametri ecografici di accrescimento dell’embrione, si data la gravidanza in maniera precisa e si stabilisce il periodo della prima indagine di medicina prenatale : l’ultrascreening. Nello stesso tempo si valuta peso e pressione della gestante e si programma un percorso dietetico virtuoso.

Il III incontro è quello per l’esecuzione dell’ultrascreening e della prima ecografia genetica per lo studio delle malformazioni fetali. E’ questo uno dei momenti importanti di verifica della gravidanza. La possibilità di un supporto psicologico per affrontare le modifiche psico-fisiche della donna è un ausilio che mettiamo a disposizione.

Il IV incontro prevede l’eventuale esecuzione dell’amniocentesi intorno alla sedicesima settimana di gestazione, l’esecuzione comunque dell’ecografia genetica per le malformazioni fetali.

Il V incontro serve a valutare la regolarità dell’ accrescimento feto placentare, per poter programmare la valutazione ecografica multiorgano della morfologica ed ecocardio fetale.

Il VI incontro è per la valutazione della crescita fetale e l’ecografia morfologica per lo studio delle malformazioni d’organo e con l’esecuzione dell’ecocardio fetale (studio del cuore). Vengono prescritti esami ematochimici importanti per lo studio del benessere della gestante.

Il VII incontro prevede lo studio dei parametri di crescita fetale, della flussimetria precoce, della prevenzione della rottura prematura delle membrane. Viene affrontato il percorso della nascita e della conservazione del sangue cordonale (fonte preziosa di cellule staminali). Si valutano anche parametri vitali e di laboratorio.

L’VIII incontro verso la 33° settimana di gestazione prevede lo studio della crescita fetale, la prevenzione della gestosi e della minaccia di parto prematuro, la verifica di esami infettivologici ed ematochimici importanti per testare il benessere madre-feto. La flussimetria ha proprio lo scopo di valutare parametri di sicurezza per una buona crescita fetale.

Il IX incontro prevede un’accurata visita ostetrica, una misurazione dei parametri del bacino e della testa fetale con lo studio della posizione per testare le possibilità di un parto spontaneo o programmare un parto operativo.

A questo punto il percorso si diversifica e si attuano tutte le procedure per il timing del parto. Si individua l’equipe che seguirà la gestante in clinica, si attivano le procedure necessarie con reperibilità 24 ore su 24 per prevenire qualsiasi complicanza e ottemperare a qualsiasi urgenza.

La medicalizzazione eccessiva del parto non fa parte del nostro credo, ma mettere in essere tutte le strategie per permettere alla donna di vivere l’esperienza più importante della propria vita con serenità e fiducia è una prerogativa irrinunciabile del nostro lavoro.

Chiudi il menu